Servizio civile volontario 2021-2022 presso il VKE

Pubblicato martedì 27 aprile 2021

Progetto VKE

Progetto VKE per il Servizio Civile Provinciale 2021-2022

Termine per candiarsi

Fino al 31 luglio 2021 ci si può candidare come volontario/a del servizio civile provinciale per il progetto 2021-2022 presso il VKE. 
Basta presentare le seguenti cose: 
- modulo di candidatura (vedi allegato) 
- curriculum vitae
- copia della carta d'identità e del codice fiscale

Il tutto puo esser portato a mano nell'ufficio del VKE (Via del Macello 9/a Bolzano) o mandato via mail a [email protected]
I colloqui di selezione si terranno dal 16.08. al 27.08.2021 nell'ufficio.

 

Progetto per il Servizio Civile Provinciale 2021-2022

Care ragazze e cari ragazzi,

dal 1974 il VKE gioca con bambini e ragazzi in tutta la provincia di Bolzano.
Insieme a noi hanno giocato con loro centinaia di giovani come voi, prima come obiettori di coscienza al servizio militare, dal 2005 come volontari in servizio civile e dal 2013 in servizio civile provinciale.
Anche quest’anno vi aspettiamo numerosi per continuare a giocare nelle nostre CaseGioco VKE, nel Punto d’Incontro Giovani VKE, con lo Spielbus, nelle attività del VKE durante le ferie scolastiche in primavera, estate, autunno e inverno, alla Città dei Ragazzi MiniBZ e in tante altre attività che trovate descritte più nel dettaglio qui sotto.

Titolo: Scopri il mondo giocando

Ruolo e attività dei volontari in servizio civile volontario provinciale presso il VKE

Il nostro progetto prevede di impiegare i volontari in servizio civile provinciale nelle attività dello Spielbus, dei centri CasaGioco e Punti Incontro Giovani VKE, nelle altre attività a favore del diritto al gioco negli spazi pubblici, soprattutto quando esse sono organizzate e realizzate dai soci volontari dell’associazione stessa e nelle attività dell’ufficio centrale VKE che amministra tutta l’associazione.

Nelle attività dello Spielbus i volontari collaboreranno con i dipendenti responsabili del settore e con i volontari dell’associazione nei seguenti campi: progettazione e programmazione delle attività; realizzazione delle attività nella fase di preparazione, esecuzione, valutazione, documentazione; gestione dei magazzini del materiale ludico per le attività; manutenzione, riparazione e costruzione di semplici attrezzi e materiali ludici per le attività; ricerca e studio di letteratura specifica per le attività; eventuale ideazione di nuovi progetti; partecipazione a corsi di formazione, in Italia e all’estero, organizzati dalle associazioni di settore.

Nella attività dei centri CasaGioco e dei Punti Incontro Giovani i volontari collaboreranno con i dipendenti responsabili del settore e con i volontari dell’associazione nei seguenti campi: progettazione e programmazione delle attività; realizzazione delle attività nella fase di preparazione, esecuzione, valutazione, documentazione; manutenzione, riparazione e costruzione di semplici attrezzi e materiali ludici per le attività; ricerca e studio di letteratura specifica per le attività; eventuale ideazione di nuovi progetti; partecipazione a corsi di formazione, in Italia e all’estero, organizzati dalle associazioni di settore; partecipazione alle attività delle reti civiche con enti pubblici e privati in cui sono inseriti i centri CasaGioco.

Nelle attività a favore del diritto al gioco nello spazio pubblico i volontari collaboreranno con i dipendenti responsabili del settore, con i professionisti esterni (due architetti del paesaggio diplomati) e con i volontari dell’associazione nei seguenti campi: sopralluoghi periodici agli spazi gioco pubblici dei comuni sedi d’attuazione; verifica della disponibilità di altri spazi pubblici per il gioco, soprattutto dei cortili scolastici in orario extrascolastico; invio di rapporti e relazioni periodiche alle amministrazioni competenti; verifica sui tempi e sull’efficacia degli interventi richiesti; eventuali interventi diretti nel caso di piccole riparazioni o di manutenzioni di semplice soluzione.

Nelle attività presso l’ufficio centrale del VKE i volontari collaboreranno con i dipendenti responsabili e con i volontari dell’associazione nei seguenti campi: amministrazione generale, rapporti con i soci e con il pubblico, rapporti con le 23 Sezioni VKE, contabilità, comunicazione e media con gestione dei siti e dei social media.

Obiettivi del progetto

L’obiettivo generale del progetto è di proseguire e di intensificare l’impegno a favore del diritto al gioco nello spazio pubblico per bambini e ragazzi, sia attraverso attività di promozione dell’idea del gioco a livello teorico e di comunicazione, sia attraverso attività e progetti concreti, che da un lato offrano a bambini e ragazzi occasioni di gioco e di divertimento grazie alle attività dello Spielbus, nelle CaseGioco e nei Punti Incontro Giovani, e dall’altro creino i presupposti perché questo possa avvenire in tutti i momenti in cui i minori hanno bisogno e tempo di giocare, garantendo che gli spazi siano presenti e attrezzati in maniera adeguata e rispettando quelle che sono le esigenze educative e di sviluppo dei minori nelle diverse fasce d’età e nelle varie fasi della crescita.

Le attività dello Spielbus, delle CaseGioco, dei Punti Incontro Giovani e l’impegno per il diritto al gioco nello spazio pubblico possono essere considerate come un intreccio e vogliono agire a tutti gli effetti come una lobby a favore del diritto al gioco dei minori.
Il contributo dei volontari in servizio civile dovrà e potrà sostenere questo impegno grazie al loro inserimento nelle diverse attività.

Gli indicatori di risultato saranno innanzitutto numerici ovvero il numero complessivo di giornate di attività dei diversi servizi e il numero delle presenze alle diverse attività.
Per lo Spielbus possiamo dire che l’obiettivo è di riuscire a raggiungere e se possibile superare il numero di 250 interventi complessivi nel corso dell’anno di servizio.

Per i centri CasaGioco e per i Punti Incontro Giovani l’obiettivo consiste nel riuscire a garantire il maggior numero possibile di giornate di apertura grazie al sostegno che i volontari in servizio civile potranno offrire al personale dipendente e ai soci volontari.
L’obiettivo numerico varia a seconda della località e della struttura.

A Bolzano per la CasaGioco VKE BZ1, la CasaGioco VKE BZ2 e il Punto Incontro Giovani vorremmo garantire un’apertura su 45 settimane all’anno, per la CasaGioco e il Punto Incontro Giovani di Bressanone, di Brunico, di Merano e di Ortisei invece si tratta di cercare di garantire un’apertura su 37 settimane all’anno. 

  Archivio